Incorporazione di SIAS in ASTM

Incorporazione di SIAS in ASTM

In seguito all’esito positivo dell’Offerta Pubblica di Acquisto promossa da NAF2 S.p.A., ASTM è una società privata. Le azioni ordinarie ASTM sono state revocate dalla quotazione sul MTA a decorrere dal 4 giugno 2021.

La società è impegnata nel mantenimento di una comunicazione accurata, tempestiva e trasparente con tutti gli stakeholder su decisioni strategiche, obiettivi e risultati finanziari. La presente sezione contiene tutta la documentazione necessaria ad un’appropriata comunicazione finanziaria, anche in conformità con la regolamentazione di mercato, compreso lo storico sull’andamento delle quotazioni del titolo.

A seguito del delisting delle proprie azioni dall’MTA, ASTM informa di aver designato l’Italia quale Stato Membro di Origine ai sensi della Direttiva 2004/109/CE e relative norme attuative, per le finalità ivi previste. Inoltre, ai sensi dell’art. 82-ter del Regolamento Emittenti, ASTM informa che non intende continuare a pubblicare, su base volontaria, informazioni finanziarie periodiche aggiuntive rispetto alle relazioni finanziarie annuale e semestrale.

L’Operazione di integrazione di SIAS in ASTM è finalizzata a perseguire i seguenti principali obiettivi:

– dare vita ad un’unica holding industriale quotata che, agendo come “one company”, sia in grado di esprimere specifiche competenze nei settori delle concessioni autostradali, delle costruzioni, dell’ingegneria e dell’innovazione tecnologica;

– realizzare un accorciamento della catena di controllo rispetto alle società operative, in linea con le prassi nazionale e internazionale e con le aspettative del mercato per una semplificazione della struttura societaria del gruppo, con ricadute positive per quanto concerne l’accesso a cash flows e di conseguenza al mercato dei capitali;

– creare una nuova realtà industriale che possa crescere in modo efficiente e competitivo sia sui mercati nazionali sia sui mercati internazionali, anche con ricorso al mercato mediante operazioni di rafforzamento del capitale alla luce del nuovo piano strategico che verrà presentato al Consiglio di Amministrazione successivamente alla Fusione;

– favorire la creazione di un emittente quotato che per dimensione e liquidità possa ambire a proporsi tra le società di primaria importanza del mercato borsistico italiano;

razionalizzare la struttura societaria con conseguente riduzione dei costi di holding ed ulteriore rafforzamento delle sinergie industriali e miglioramento dei risultati operativi.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2021
SITEMAP