Il nostro impegno per la Sicurezza stradale

La sicurezza della circolazione è elemento fondante della sostenibilità di qualunque sistema del trasporto ed è tradizionalmente un punto che identifica e qualifica il ruolo e l’azione della concessionaria autostradale.

Per le concessionarie del gruppo SIAS, la sicurezza è un impegno prioritario: ogni giorno lo staff SIAS è impegnato per la sorveglianza del traffico, per interventi d’urgenza, per la protezione dei veicoli fermi su strada, per l’attivazione delle catene di controllo-comando ed informazione, per la gestione del traffico e delle emergenze.

Il cuore di questo tipo di azione consiste nella disponibilità di mezzi operativi, ma ancora di più nell’alta qualificazione del personale che, anche nella formazione, ha raggiunto delle pratiche di eccellenza a livello nazionale ed europeo.

Nella gestione delle politiche di sicurezza, un ruolo centrale è costituito dalla prevenzione. Le direzioni tecniche delle concessionarie SIAS sono affiancate dalle società di ingegneria, dalle imprese di costruzione e dalle società tecnologiche per lo sviluppo di una pluralità di azioni atte alla prevenzione ed al miglioramento delle infrastrutture: ispezione delle opere, progettazione, lavori di manutenzione conservativa, di miglioramento delle strutture e degli impianti, di sviluppo tecnologico e di potenziamento della rete.

Avere strade ben costruite ed efficienti è una premessa per garantire la sicurezza della circolazione. Purtroppo, però, non rappresenta una condizione assoluta a garantire una sicurezza totale per la circolazione. Possono avvenire malfunzionamenti del veicolo. Il fattore ambientale è sempre in agguato. Ma è il fattore umano sovente che troneggia incontrastato. Fattore umano che vuol dire errore di calcolo, che vuol dire distrazione, colpo di sonno, imprudenza, che vuol dire guidare sotto l’effetto di sostanze alteranti, e così via.

Per questo, la cultura della sicurezza stradale nata e coltivata all’interno del gruppo SIAS è divenuta anche un contributo alla crescita della nostra società: il gruppo ASTM-SIAS ha ideato Autostradafacendo, una campagna che ripone grande fiducia nell’uomo, facendo forza sul fatto che un guidatore meglio informato attuerà comportamenti più virtuosi, promuovendo la propria ed altrui sicurezza. Centinaia sono le iniziative ed i riconoscimenti conseguiti da questa attività che tende a contribuire alla cultura della sicurezza. La campagna ha visto l’adesione di 40 tra organizzazioni pubbliche e private, è stata oggetto di diversi patrocini e di un protocollo con la Polizia Stradale che sta diffondendo, a livello nazionale, i risultati del nostro lavoro. Le attività di Autostradafacendo sono citate anche nel bilancio di medio periodo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sul decennio della sicurezza stradale (2011-2020).

Negli ultimi anni, la sicurezza della circolazione sulle infrastrutture del gruppo SIAS è molto migliorata, possiamo dire che è una delle principali “storie di successo” che il gruppo SIAS, grazie al miglioramento di strade, impianti ed esercizio è riuscito a costruire e consolidare a tutela della vita umana ed in vista di un servizio di trasporto più efficiente e sostenibile. Sulla rete del gruppo ASTM-SIAS l’obiettivo 2010 di dimezzare le vittime della strada era già stato raggiunto nel periodo tra il 2008 ed il 2009, cioè con circa due anni di anticipo rispetto al termine imposto agli Stati Membri dalle Istituzioni Europee. Il consuntivo 2010 è stato poi particolarmente favorevole.

Infatti il valore finale è addirittura meno di un terzo del valore del 2001: una riduzione netta del 67,5% nel decennio. Risultato ancora più interessante se paragonato al miglioramento medio nazionale che si è attestato al 43% o se paragonato alla media europea, ferma al 44%. Negli anni più recenti abbiamo poi raccolto risultati storici come il raggiungimento dell’obiettivo di “zero” vittime della strada per un anno intero su Autostrada dei Fiori e sulla SATAP (A4 – Torino – Milano).

Questa differenza tra il valore sulla rete di competenza e le altre reti dimostra che le azioni preventive atte a migliorare la sicurezza delle infrastrutture SIAS sono risultate idonee ad affiancare e valorizzare l’evoluzione e miglioramento che sicuramente si sono registrati anche per quanto riguarda il parco autoveicoli ed il comportamento degli utenti.